Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Databases

Homepage > Databases > Publications

Publications

back to the list

Document Typology: Book
Methodology addressed by the publication:Parents pedagogy
Title of document: Via dal Nirvana. Vita con una figlia autistica
Name of author(s): Clara Claiborne Park
Name of publisher: Astrolabio Versione inglese: Little Brown and Company
Language of the publication: Italian
Language of the review: Italian
Summary:
Il contenuto del libro si presenta come un modello di Metodologia Pedagogia dei Genitori. E' la testimonianza precisa e attenta della crescita di una persona autistica durata quarant'anni effettuata dalla madre. Documentata in due successivi libri: il primo del 1967 The Siege, L'assedio, che presenta i primi otto anni di vita e Exiting Nirvana, Via dal Nirvana, che qui viene recensito, uscito nel 2001. Presenta l'evolversi della bimba quasi muta del 1967, alla donna attuale, con molti interessi artistici e lavorativi. Non è solo un resoconto scientifico, come sottolinea nella prefazione il neurologo Oliver Sacks, è un atto d'amore redatto da chi non solo conosce la figlia meglio di qualsiasi altra persona, ma ha messo in atto strategie funzionali alla sua crescita. La madre Clara Claiborne Park e il marito David appartengono alla cultura universitaria e costituiscono interfaccia tra il sapere formale e quello informale tra il sapere della scienza e quello dell'esperienza. Sono in grado di padroneggiare il confronto con i tecnici e dare dignità al loro sapere e al loro amore per la figlia.
La loro esperienza testimonia il valore attivo della pedagogia dei genitori, come la visione genitoriale faccia in modo che alcuni di quelli che si potrebbero chiamare difetti o stranezze dell'autismo possono diventare punti di forza (O. Sacks). L'impostazione scientifica del neurologo autore di Risvegli, in grado di validare il sapere dei genitori, è mutuata da Lev Semenovic Vygotskij, il cui metodo collega il sapere dei genitori a quello degli scienziati. La sua è una visione che parte dal positivo, legata al carattere evolutivo della persona. Sottolinea quello che ogni genitore sperimenta: dai problemi la soluzione, dalla debolezza la forza. Si oppone alla iperpatologizzazione dei problemi sottolineando il valore della compensazione. La visione storico culturale dell'uomo lo porta a fondare sulla specificità personale di ciascuno, al di là delle classificazioni
Reviewer's comments on the document:
.
I genitori prendono consapevolezza delle loro competenze: è un lavoro lungo, difficile, perché solitario. Non vi è accettazione sociale delle loro conoscenze, né i professionisti richiedono le loro competenze. Manca un'etica del riconoscimento che permetta di sentirsi accettati nel loro sapere. La Metodologia Pedagogia dei Genitori nasce per fornire strumenti teorici e pratici perché ciò avvenga per tutti i genitori e vi sia un riconoscimento generalizzato da parte degli esperti delle loro competenze. Perché il loro sapere non sia solo riconosciuto in modo episodico o sia un ascolto professionale base per diagnosi o classificazioni, un sapere subalterno Oppure vi sia un'accettazione di pochi professionisti illuminati
Tuttavia una sensibilità sta emergendo e si manifesta nelle biografie dei figli scritti dai genitori o nelle autobiografie in cui le persone con difficoltà manifestano il valore dei genitori per la loro crescita. Appaiono non come testi scientifici, descrizioni oggettive, considerazioni sensate dalle quali i professionisti possano apprendere, imparare, considerare le narrazioni libri di testo dai quali partire per avere un atteggiamento recettivo obbligatorio nei confronti dei saperi dei genitori.
Il libro documenta la conoscenza specifica della figlia da parte dei genitori, la loro capacità di trasformare le difficoltà o i problemi in risorse. Smentisce, come dice Sacks, l'idea sviluppata da Kanner e Bettelheim, che l'autismo è generato da madri fredde e lontane, le madri frigorifero. Non c'è nulla che confermi questo, mentre tutto lo smentisce: Jessica è stata amata dai genitori e dai fratelli, parte della felicità e della sicurezza di sé riflette l'ambito familiare
Where to find it:

back to the list