Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Databases

Homepage > Databases > Publications

Publications

back to the list

Document Typology: Book
Methodology addressed by the publication:Narrative medicine
Title of document: Narrative medicine - Honoring the Stories of Illness.
Name of author(s): Charon R. (2006).
Name of publisher: Oxford University Press: New York
Language of the publication: English
Language of the review: Italian
Summary:
Rita Charon nel testo esamina il significato della medicina narrativa a partire dalle sue origini, analizza il valore del racconto delle esperienze di malattia, lo sviluppo delle competenze narrative da parte dei professionisti e gli aspetti bioetici legati ala Medicina narrativa. Vengono identificati cinque aspetti che costituiscono gli elementi narrativi nella relazione con la persona assistita: la temporalità, l’unicità, la causalità, l’intersoggettività e l’etica. La temporalità riguarda lo sviluppo nel tempo della storia del paziente e il riconoscimento della soggettività nel valore attribuito al tempo. Un secondo aspetto è l’unicità della persona e della sua esperienza. Riconoscere nelle parole del paziente il senso da lui attribuito alla malattia consente di impostare una relazione terapeutica basata sul dialogo, sulla comprensione e sulla condivisione. La causalità implica il fatto che, come afferma Charon, il medico indaghi con mente creativa, aperta e con coraggio, le multiple relazioni causali tra i sintomi e le complesse situazioni che il malato presenta, mettendo in connessione eventi ed elementi diversi e tra loro distanti, per costruire una trama che renda la malattia qualcosa che abbia un senso per lui. L’intersoggettività nasce dall’incontro tra un narratore ed un ascoltatore attraverso un testo, una trama intesa come struttura che connette gli eventi tra loro secondo nessi causali significativi. Charon afferma che le relazioni terapeutiche sono basate su testi complessi, che comprendono parole, silenzi, aspetti fisici ed immagini. La narrazione può portare colui che racconta ad esporre aspetti e parti di sé riservate ed intime. La professionalità del curante implica un atteggiamento etico, di ascolto rispettoso ed attento nell’accogliere i racconti della persona assistita, evitando di porre domande intrusive e di ricercare informazioni non strettamente utili, forzando il racconto che la persona sta facendo. Una medicina che sia competente e professionale può aiutare un paziente a lottare contro la perdita della propria salute per trovare un significato anche nella malattia, favorendo l’attivazione delle risorse personali del soggetto nel percorso di cura.
Reviewer's comments on the document:
Il testo si presenta particolarmente rilevante nell’ambito della letteratura sulla medicina narrativa e contiene i principi fondamentali che supportano tale concetto. La medicina narrativa mira a comprendere il significato delle esperienze di malattia, in un quadro complessivo e rispettoso della persona assistita, si indirizza all’identificazione delle problematiche e delle sofferenze sia fisiche che psicologiche del malato, allo scopo di stabilire le priorità ed attuare coerentemente gli interventi di cura e di accompagnamento. Una medicina che viene praticata con le abilità narrative di riconoscere, di fare proprio, di interpretare ed essere commossi dai racconti di malattia. Come nuova dimensione della cura sanitaria, la medicina narrativa offre nuove prospettive e la speranza che il sistema sanitario, ora frammentato sotto molti aspetti, possa diventare più efficace di quanto sia stato in passato. Si propone di curare la malattia mediante l’abilità di conoscere e di rispettare coloro che ne sono stati colpiti e anche sostenendo coloro che si prendono cura dei malati. Le descrizioni della malattia forniscono un avvicinamento ai problemi in modo globale e, attraverso l’interpretazione della storia autobiografica del paziente, facilitano e orientano scelte diagnostiche e terapeutiche. Inoltre le storie di malattia sono un mezzo per educare pazienti e professionisti della salute e possono anche espandere ed arricchire ipotesi di ricerca. In tal senso la medicina narrativa non è solo un approccio complementare per comprendere meglio il paziente e la sua malattia, ma diventa un elemento fondante l’atto diagnostico e di cura;
Where to find it: The book is available on Google Books

back to the list