Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Databases

Homepage > Databases > Publications

Publications

back to the list

Document Typology: Book
Methodology addressed by the publication:Narrative medicine
Title of document: Educarsi alla “cura”. Un itinerario riflessivo tra frammenti e sequenze.
Name of author(s): de Mennato P, Orefice C, Branchi S
Name of publisher: Pensa Multimedia Editore, Lecce 2011
Language of the publication: Italian
Language of the review: Italian
Summary:
Il testo da una parte pone il problema del superamento, attraverso un paradigma narrativo e riflessivo, nell’azione dei professionisti della cura, medico, infermiere, fisioterapista,educatore professionale, dell’expertise modulato sull’osservazione e la conformità con protocolli standardizzati della medicina ufficiale. La riflessività viene esercitata attraverso l’utilizzo di film ed è posta come ordito al problema dell’educarsi alla cura.
In questo orizzonte della cura come evento culturale, si prendono in esame dapprima i concetti che ne compongono il quadro d’insieme, ad esempio cura, la malattia, analizzandone le corrispondenze di cultura. Visione complessa, che rimanda ad una personale decostruzione del sapere nelle professioni di cura,sempre attraverso la suggestione filmica. Questa pratica de costruttiva permette di ricollocarsi nella situazione come professionista e far emergere le dimensioni che compongono la relazione di cura, a partire dalla l’epistemologia implicita, all’idea di salute, di cura, dalle dimensioni emotive, la scientificità delle evidenze.. Si prendono, quindi , in considerazione gli elementi che possono ricostruire una possibile consapevolezza dei modi di stare al mondo rispetto alle dimensioni dei professionisti della salute e gli ambiti sui quali si esercita l’azione professionale degli operatori della salute. Si analizzano le dimensioni del corpo, salute e malattia attraverso metafore e rappresentazioni, quindi le dimensioni del dolore, sintomo, ritualità dell’azione di cura, non ultimo quella del cibo, nella loro scansione antropologica culturale e rituale. Da ultimo, in questa opera di ricomposizione di una possibile formazione-educazione alla cura secondo quando premesso nelle precedenti parti del testo, si evidenziano le possibilità e gli elementi di questo formarsi. La qualità della cura come competenza relazionale, un saper essere dove l’ascolto, l’autenticità, il momento della conoscenza del paziente sono rivisitati alla luce del paradigma narrativo. Una vasto riferimento alla filmografia accompagnano le tra analisi degli autori, con un comodo DVD esplicativo.
Reviewer's comments on the document:
La cura come evento antropologico originario dell’uomo si intreccia con un’altro evento di tale portata :l’educazione. Educarsi alla cura fa parte di quel processo antropologico dell’uomo n quanto cultura.
Allora considerando che si è gettati n mondo già significato, o in micro culture già intenzionate, la relazione di cura che i vari professionisti, dai medici agli infermieri, fisioterapisti od educatori professionali, dispongono sulla scena ha in sé gli elementi che, in qualche maniera, possono “alienare” il soggetto delle cure, il paziente. Da qui l’esigenze, per i professionisti della cura, di decostruire i personali significati rispetto alle dimensioni della cura, dall’epistemologia implicita, alla posizione nella relazione, al significato attribuito alla stessa relazione, per ricostruire su basi meno riduttive e semplificate, ciò che nella relazione di cura si gioca. L’esercizio costante di questa riflessività attraverso una esplorazione esterna alla propria esperienza, i film, veri e propri prodotti d cultura, permette una metodologia educativa che va in profondità di quei sedimenti culturali che, se non illuminati da considerazioni critiche, si trasformano in rigida ideologia. Ideologia che espelle il soggetto delle cure riducendolo ad oggetto, cose tra cose. Da qui l’uso ragionato dei filmati proposti,nella logica di una strategia educativa per i professionisti della cura che costantemente richiede uno sforzo riflessivo per cogliere la realtà della cura nella sua complessità.
Where to find it: no pdf

back to the list