Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Databases

Homepage > Databases > Publications

Publications

back to the list

Document Typology: Other
Methodology addressed by the publication:Narrative medicine
Title of document: Storie di vita: Esperienza in un Hospice piemontese
Name of author(s): Serena Maria Rosso
Name of publisher: Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino
Language of the publication: Italian
Language of the review: Italian
Summary:
Il fenomeno della narrazione della malattia è un argomento di crescente interesse per i ricercatori nel campo delle scienze sociali e in ambito sanitario. Ogni soggetto conferisce all’esperienza della malattia significati diversi, in un continuum tra speranza di guarigione e attesa della morte. I pazienti nel fine vita e le loro famiglie sperimentano un senso di tragedia e si trovano dinnanzi a dilemmi complessi. Ci si trova a ricercare un senso, attribuire un senso al divenire, a quel mondo che sembra "spogliarsi" di tutto. I pazienti che si trovano ad uno stadio terminale di malattia ricercano un senso, il senso delle proprie esperienze, della propria vita. La diagnosi di stadio terminale di malattia, conduce il paziente ad un processo di revisione della propria vita, della propria storia, ed è qui che la narrazione assume un immenso significato. Tutti i membri di una struttura che lavorano nelle cure palliative svolgono un ruolo di importante rilievo nell'aiutare i pazienti e le famiglie a raccontare le storie della loro malattia, della loro vita, ma anche nella ricerca del significato che si attribuisce alla fine della vita. Presso l’Hospice del Presidio Ospedaliero San Vito dell’Azienda Sanitaria San Giovanni Battista di Torino nell’anno 2010 sono state raccolte due storie di vita. In entrambi i casi, si tratta di testi scritti di spontanea volontà da due pazienti. Lina e Maria, entrambe affette da cancro in fase terminale, seguite rispettivamente in Hospice e a domicilio dall’associazione F.A.R.O. di Torino. L’analisi di queste due storie di fine vita, che sono vere e proprie storie di vita, comporta una lettura complessa, attuata per mezzo di tre chiavi di lettura: principali contenuti trattati, personaggi coinvolti e emozioni e sentimenti contenuti. Nella tesi vengono presentati i passaggi più importanti delle due storie di vita raccolte. L’analisi delle storie ha permesso di raggiungere l’obiettivo di ricercare il significato che il paziente attribuisce alla fase finale della vita. Ha anche permesso di valorizzare le storie di vita quale patrimonio da lasciare alla famiglia. Tutto ciò può aiutare a cogliere la storia personale del paziente, senza correre il rischio di prendere “la parte per il tutto”, e ancora, aiutare a capire il modo in cui la malattia è vissuta
Reviewer's comments on the document:
L’analisi narrativa di queste due storie di vita offre un modo innovativo di accedere ai mondi personali, alle prospettive del paziente e agli scenari di fine vita. La ricerca narrativa costituisce un approccio innovativo in specifici campi della metodologia qualitativa, caratterizzato dallo sviluppo di rigorosi metodi di analisi per meglio comprendere l'esperienza individuale e culturale delle persone assistite. I ricercatori dispongono di una vasta gamma di metodi di ricerca narrativa con il potenziale di informare e migliorare la politica sanitaria nonché le scienze della formazione. Oltre ad illuminare l'individuo, le prospettive e le esigenze di pazienti e operatori, l'analisi delle narrazioni può anche porre domande importanti per la pratica clinica. L’approccio narrativo alle storie di vita, apre modi nuovi ed umani di accedere ai mondi, alla vita delle persone affette da una malattia inguaribile. Le storie di vita suggeriscono che i metodi di ricerca narrativa hanno molto da offrire ai professionisti sanitari nell’ambito delle cure palliative, e non solo.
Where to find it: Disponibile in PDF su richiesta alla relatrice dott.ssa Lorenza Garrino Mail: lorenza. garrino@unito.it

back to the list