Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Databases

Homepage > Databases > Publications

Publications

back to the list

Document Typology: Book
Methodology addressed by the publication:Narrative medicine
Title of document: La medicina narrativa nei luoghi di formazione e di cura
Name of author(s): Garrino Lorenza
Name of publisher: Edi Ermes Divisione Centro Scientifico Editore, Milano 2010
Language of the publication: Italian
Language of the review: Italian
Summary:
Il testo offre uno sguardo sulla medicina narrativa per conoscere ed approfondire questa prospettiva, entrando in merito ad alcuni aspetti legati all’utilizzo della narrazione e presentando alcune esperienze applicative. Il crescente sviluppo tecnico-scientifico osservabile nei luoghi di cura lascia spesso sullo sfondo la storia individuale del soggetto; la medicina narrativa rappresenta il riconoscimento della complessità della persona e della sua testimonianza come malato. Costituisce un paradigma per superare i limiti epistemologici del modello di causalità lineare di tipo biomedico, riaffermando la ricchezza dei plurimi approcci umanistici. La medicina narrativa, come si evince dal testo, porta a valorizzare il punto di vista della persona assistita in un processo di coinvolgimento e condivisione nelle cure. La prospettiva narrativa interroga ed attraversa anche il medico, l’infermiere, il professionista sanitario che diventano narratori dell’esperienza di curanti, attraverso l’espressione di emozioni, difficoltà e vissuti. In una sorta di ribaltamento di ruoli, gli stessi operatori sanitari, quando affrontano in prima persona la malattia, sentono il bisogno di narrare l’esperienza che li spinge a subire un mondo dove prima erano protagonisti ed ora devono affrontare le logiche di un sistema sanitario che non li considera più tali.
La pratica narrativa contribuisce ad affinare la capacità di ascolto, di comprensione e di rispetto della persona assistita. La narrazione può aiutare a scoprire differenti dimensioni di sé e del proprio processo formativo: il discente narra le motivazioni al lavoro di cura, le esperienze di apprendimento, i primi momenti a contatto con il malato, le proprie vicende di malattia e episodi dove altri si sono presi cura di lui.
Reviewer's comments on the document:
Il testo sottolinea l’importanza dell’approccio della medicina narrativa che valorizza il riconoscimento della complessità della persona e della sua testimonianza come malato, aspetto che il crescente sviluppo tecnico-scientifico nei luoghi di cura spesso lascia sullo sfondo. La prospettiva narrativa riguarda non solo il paziente, ma anche il medico, l’infermiere,il professionista della salute, che diventano narratori dell’esperienza di curanti, attraverso l’espressione di emozioni, difficoltà e vissuti. Nei percorsi formativi rivolti al personale sanitario la metodologia della narrazione ha lo scopo di sviluppare nuovi atteggiamenti nei confronti di se stessi e delle funzioni svolte, imparando a riflettere sui modi con cui si apprende e si vive la relazione con il malato,le esperienze di malattia e di morte. Il testo, che riunisce contributi originali di autori provenienti dal mondo delle cure e della formazione, offre uno sguardo sulla medicina narrativa; per conoscere e approfondire questa prospettiva, gli aspetti legati al suo utilizzo e le esperienze applicative in diversi contesti sanitari.
Where to find it: no pdf

back to the list