Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Databases

Homepage > Databases > Publications

Publications

back to the list

Document Typology: Newspaper / Magazine article
Methodology addressed by the publication:International Classification of Functioning, Disability and Health
Title of document: Una strategia per la valutazione integrata dei bisogni delle persone anziane: lo schema polare
Name of author(s): Tiziano Vecchiato, Maria Bezze, Antonio Bavazzano, Maurizio Corsi, Carlo Vergani
Name of publisher: Studi Zancan n.5/2002
Language of the publication: Italian
Language of the review: Italian
Summary:
L'esperienza quotidiana di chi opera a diretto servizio delle persone evidenzia la necessità di metodi e strumenti per rispondere alle domande che richiedono di coniugare scelte di valore (la globalità e l'integrazione degli interventi) con soluzioni facilitanti il passaggio dal lavoro monoprofessionale a interventi integrati multiprofessionali. Essi sono tali quando risultano basati sulla condivisione delle responsabilità e delle risorse necessarie con bisogn complessi.
SI presenta una soluzione finalizzata a promuovere l'integrazione professionale, la gestione dei problemi inerenti la valutazione multiprofessionale del bisogno, la valutazione dei risultati di efficacia.
Reviewer's comments on the document:
Questo articolo propone un modello di valutazione multidimensione della persona innovativo e fondamentale per la continuità assistenziale ospedale-territorio.
infatti, c'è la possibilità di condividere con la persona e la famiglia momenti di valutazione partecipata dei risultati di efficacia (outcomes) e di approfondire insieme come integrare le risorse proprie del settore socioambientale e relazionale con le risorse che i servizi possono mettere a disposizione. Si possono cioè meglio condividere le possitibilità utili a promuovere la presa in carico partecipata dei problemi e affrontarli coordinando responsabilità professionali, personali, familiari e comunitarie.
Where to find it: no pdf

back to the list