Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Databases

Homepage > Databases > Publications

Publications

back to the list

Document Typology:
Methodology addressed by the publication:
Title of document: Rita Charon, Facoltà di Medicina e Chirurgia della Columbia University, New York, NY, US, rac5@columbia.edu
Name of author(s): Rita Charon, Facoltà di Medicina e Chirurgia della Columbia University, New York, NY, US, rac5@columbia.edu
Name of publisher: Journal of Applied Communication Research, Vol 37(2), May, 2009. pp. 196-201
Language of the publication: English
Language of the review: English
Summary:
L’impossibilità di una reale guarigione della sanità sembra derivare dall’incolmabile divario che troviamo nella nostra professione. Secondo l’Istituto di medicina, ad esempio, l’approccio convenzionale per “riparare” il settore sanità è quello di provare a ridurre alcune barriere quali il razzismo, il sessismo, l’elitismo professionale o l’accesso non equilibrato alla cura. Non c’è dubbio, ciò deve essere fatto.
Tuttavia i tentativi di questa raccolta puntano ad un aspetto più profondo per altri divari osservati delle malattie. Quindi forse la presenza di divari, divisioni e discontinuità non è prevista nel campo della malattia. Come aspettarsi terreni non impervi? Come potrebbero questi viaggi attraverso una seria patologia, che avvia alla morte, non essere segnati da pericolosi baratri? Nella pratica clinica siamo sull’abisso, e solo un’ottusa follia e un bisogno di normalizzare ciò che facciamo ci rende insensibili dall’assorbire la totalità dell’insolita, straordinaria e drammatica natura di questi mondi frammentari della malattia. I temi che sorgono dagli studi di comunicazione, dalle scienze sociali, dalla filosofia e dai performance studies, sono pieni di suggerimenti per nuove modalità di pensiero clinicamente utili. In primo luogo, l’attenzione è stata rivolta ai rischi della “narrazione” e a quelli testuali, restringendo i potenziali vantaggi del lavoro, con l’eliminazione o semplicemente mediante la mancata osservazione di tutti i racconti e le testimonianze che si verificavano in modalità visiva ed eseguita. (PsycINFO Database Record (c) 2010 APA, all rights reserved)
Reviewer's comments on the document:
I temi che sorgono dagli studi di comunicazione, dalle scienze sociali, dalla filosofia e dai performance studies sono pieni di suggerimenti per nuove modalità di pensiero clinicamente utili.
Where to find it: PsycINFO Database Record http://web.ebscohost.com.offcampus.dam.unito.it/ehost/detail?vid=4&hid=111&sid=039662d8-d637-4520-b895-59b305c5b495%40sessionmgr110&bdata=JnNpdGU9ZWhvc3QtbGl2ZQ%3d%3d#db=psyh&AN=2009-07138-010

back to the list