Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Databases

Homepage > Databases > Publications

Publications

back to the list

Document Typology: Research
Methodology addressed by the publication:Narrative medicine
Title of document: Medicina narrativa e riforma del sistema sanitario
Name of author(s): Lewis, Bradley E., Gallatin School of Individualized Study, New York University, New York, NY, US, bl466@nyu.edu
Name of publisher: Germany: Springer
Language of the publication: English
Language of the review: English
Summary:
La medicina narrativa è una delle riforme più importanti della medicina interna, e dovrebbe costituire una dimensione critica del dibattito sanitario.
La riforma sanitaria dovrebbe eventualmente domandarsi non solo come paghiamo per l'assistenza sanitaria e come facciamo a distribuire, ma più fondamentalmente, che tipo di assistenza sanitaria vogliamo? Si deve chiedere, in breve, quali sono gli obiettivi della medicina? Eppure, anche se la medicina narrativa è cruciale per rispondere a queste domande cruciali e inevitabile, non è facile da descrivere. Questo articolo sostiene che il modo migliore per capire la medicina narrativa è quello di raccontare una storia.

Reviewer's comments on the document:
La medicina è protagonista di una straordinaria evoluzione nella ricerca scientifica-tecnologica, che ogni giorno
 scopre tecniche e protocolli nuovi per la guarigione. Tuttavia le innovazioni scientifiche non sono sufficienti a
 garantire la cura del paziente. La medicina basata sull’evidenza, cioè quella che formula diagnosi a partire dai
 sintomi che il paziente manifesta, non tiene conto di tutti quegli aspetti emotivi che caratterizzano la persona ed 
influiscono, più o meno direttamente, sullo stato della malattia.

“La Medicina Narrativa fortifica la pratica clinica con la compoetenza narrativa per riconoscere, assorbire, metabolizzare, intepretare ed essere sensibilizzati dalle storie della malattia: aiuta medici, infermieri, operatori sociali e terapisti a migliorare l’efficacia di cura attraverso lo sviluppo della capacità di attenzione, riflessioni, rappresentazione e affiliazione con i pazienti e i colleghi.“
(Rita Charon)
La Medicina Narrativa (o “Narrative Based Medicine”, termine coniato da Rita Charon, proprio con il tentativo di colmare la mancanza della Medicina Basata sull’Evidenza di prendere in
 considerazione per la cura gli aspetti personali del malato. Si rivolge sia al paziente che al personale medico, le 
due figure coinvolte nel processo di cura, che si relazionano tra di loro. Oggi la medicina è presente nella nostra vita quotidiana, e tutti abbiamo ormai familiarità con le strutture del
 sistema sanitario. Tuttavia, anche a causa della concezione aziendale sempre più adottata dagli ospedali, il
 rapporto tra medico e paziente sta andando affievolendosi e raffreddandosi. Il paziente viene visto più come un 
insieme di dati oggettivi, e non come un individuo unico con bisogni e necessità.
In questo senso la Medicina
 Narrativa si avvicina, filosoficamente parlando, agli approcci olistici tipici delle medicine non convenzionali, che a 
fronte di una classificazione rigida delle malattie, propongono una soggettivizzazione del paziente, visto in tutta la 
sua complessità e unicità.
 Le storie offrono l’occasione di contestualizzare dati clinici e soprattutto bisogni, e permettono di leggere la propria 
storia con gli occhi degli altri, apportando una ricchezza e una pluralità di prospettive oggi assenti. La narrativa
 permette al paziente di sentirsi non isolato, ma al centro della struttura e questo offre, a sua volta, agli operatori
 ospedalieri la possibilità di avere una visione più completa dei problemi. La narrazione della patologia del
 paziente verso il medico viene quindi considerata al pari dei segni e dei sintomi clinici della malattia stessa.

Comunicare il proprio stato di malattia e relazionarsi empaticamente aiuta inoltre il paziente a:
- prendere decisioni con più consapevolezza;
- relazionarsi con gli altri;
- esprimere stati d’animo e disagi;
- condividere testimonianze, che potranno essere utili ad altri medici o pazienti.

La Medicina Narrativa necessita di affacciarsi al mondo dell’arte; la narrazione infatti prende vita attraverso diversi 
strumenti: dalla scrittura alla musica, dalle arti figurative alla fotografia, dal teatro al cinema.
Where to find it:

back to the list