Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Experiences

Training > Experiences

Personal Experience

back to the list

Un giorno come un altro

Rosi
Language: Italian
Country: Italy
Typology: health care professionals
Text:
Giovedì mattino arrivo presto in Ospedale, mi aspettano per il consueto “giro” a casa di alcuni pazienti già noti. In realtà, durante la notte l'Infermiera reperibile ha avuto grossi problemi con un'assistita ormai alle sue ultime ore di vita e, pertanto, il mio programma cambia: devo passare al domicilio di questa signora perché i parenti sono completamente fuori di testa, non hanno realizzato in quale fase si trovi la loro parente. Mi ribello: io, completamente estranea a quella realtà di cura, mai conosciuta da quel gruppo familiare e per di più in delirio, devo andare a spiegare quello che sta accadendo? Io sono per loro un'estranea! Non se ne parla, mi tocca... Con un'altra Infermiera, Daniela, partiamo per questa missione e giungiamo a destinazione. All'ingresso ci accoglie una donna, che sostiene di conoscerci perché lavora in Ospedale. Ci racconta che lei non è una parente, ma una vicina di casa della paziente, è passata lì per caso e non è più riuscita ad andare via per il completo delirio di una nipote, decisamente adulta, e della badante sudamericana, presenti, con molte altre persone, nel salottino della dimora della morente. Qui l'atmosfera è epocale: urla, strepiti, svenimenti della badante (!), in servizio lì da sole due settimane. Così mi trovo costretta a rianimare badante e nipote! Ma la mia paziente dov'è? Nella sua camera, agonizzante, sta vivendo coscientemente i suoi ultimi minuti di vita in completa solitudine, come, a questo punto, suppongo abbia vissuto per un certo periodo della sua esistenza. Ci sono solo io a cogliere questa sua importante esperienza, nessuno vuole entrare, nonostante io spieghi loro a che punto si sia arrivati e, anche se una completa estranea, forse sono la più vicina a quanto sta provando e vivendo. La accarezzo, la consolo, la tocco ripetutamente e a lungo: muore con la sua mano nella mia. Ciao, emerita sconosciuta, grazie per avermi permesso di vivere con te questi attimi! Oggi sono un po' più ricca, grazie a te. Rosi


Your comments are welcome.
Fill the form and click "Send message".

PASSWORD (*required)

NAME (*required)

COUNTRY (*required)

TYPOLOGY (*required)

Message