Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Experiences

Training > Experiences

Personal Experience

back to the list

La capacità di farsi aiutare

Anna
Language: Italian
Country: Italy
Typology: patients and relatives
Text:
Si tratta di una paziente di 68 anni, che non aveva mai raccontato la sua difficile vita per intero a qualcuno, lo fece durante un ricovero riabilitativo nel quale si trovava in evidenti difficoltà emotive, che ne condizionavano la ripresa funzionale. Sposatasi molto giovane, a 14 anni, con un marito di 18, che pareva forte ma non lo era, al punto che aveva dovuto sostenerlo lei, in parte da subito e del tutto quando, a 50 anni, egli divenne cieco; aveva anche cresciuto quattro figli, lavorando e dedicando ad essi tutte le sue energie. Ma le difficoltà affrontate non erano paragonabili al dolore che le aveva causato la perdita di un figlio, avvenuta pochi anni prima. Questi aveva circa 30 anni ed era sposato, la moglie era un’alcolista cronica che aveva cercato in vari modi di aiutare, ma senza risultato; un giorno, sopraffatto dalla situazione, aveva prima ucciso la moglie e si era poi suicidato. Come spesso accade, la madre si incolpava di non avere colto dei segnali, che parevano preannunciare il gesto, e ora le parevano evidenti, oltre che di non avere agito in altro modo, così da impedire al figlio di compiere quel gesto. Per contro, ella non aveva potuto pensare a sé stessa, né chiedere aiuto, poiché aveva dovuto sostenere il marito, già malato da tempo, e che dopo non molto morì, senza voler gravare sugli altri figli, che avevano già tutti una loro vita e sapeva essere colpiti dalla morte del fratello. Dopo averne parlato e nei giorni successivi, la signora apparve più sollevata, divenne anche più in grado di affrontare il percorso riabilitativo, che concluse nei tempi attesi. Da una parte il dolore per la perdita di un figlio, difficilmente accettabile per qualsiasi genitore, dall’altra l’incapacità di chiedere aiuto, dichiarando le proprie sofferenze e difficoltà, avevano reso questa donna incapace di affrontare una situazione che non poteva superare con le sue sole forze. Avere la possibilità di esprimere ciò che provava, ha dato una svolta alla vita della signora, consentendole di affrontare altre difficoltà.


Your comments are welcome.
Fill the form and click "Send message".

PASSWORD (*required)

NAME (*required)

COUNTRY (*required)

TYPOLOGY (*required)

Message