Lifelong Learning Programme

This project has been funded with support from the European Commission.
This material reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

Also available in:

Experiences

Training > Experiences

Personal Experience

back to the list

Storia di Elena

Elena
Language: Italian
Country: Italy
Typology: health care professionals
Text:
Elena ha trentasette anni, un marito di dieci anni più anziano, un bambino di sette anni. Lavora in Comune come impiegata da circa quindici anni e ha un ruolo molto attivo nella segreteria del Sindaco. Tre anni fa, ha tolto un nodulo alle mammelle che era già maligno, ma circoscritto, e, quindi, avevano tolto solo il nodulo. Non aveva neanche fatto chemioterapia. Circa quattro mesi fa, c’è stata la recidiva del tumore, però già con interessamento dei linfonodi. Ha fatto chemioterapia molto potente, ha perso tutti i capelli e stava molto male, tanta nausea e anoressia. Due mesi fa, comparsa di metastasi prima ossee, poi epatiche, e adesso anche cerebrali. Elena sa tutto della malattia. Subentrano sentimenti quali: ansia, rabbia, depressione, sensazione d’isolamento, di non controllo, paura… Il dolore e la nausea sono i sintomi peggiori. Elena, molto lucida e cosciente di cosa sta accadendo, prende una decisione che le costa molto, ma molto determinata: non vuole morire in casa, vuole andare in hospice. Vuole che Luca, suo figlio, e suo marito, abbiano di lei un’opinione e un ricordo com’era e avrebbe voluto esserlo ancora. Non vuole che assistano alla distruzione del proprio corpo, della propria immagine di sé, che la vedano soffrire così tanto e trasformarsi completamente. È stata una decisione molto sofferta da tutti. Comunque, Elena in hospice era molto serena. Luca e suo marito andavano tutti i giorni da lei. L’ultimo giorno, quasi come se sapesse, ha voluto che non andassero a casa la sera. Ha parlato con loro tutto il giorno e ha voluto che Luca, nell’ultima ora, le leggesse una poesia che lei aveva scritto per loro e che non aveva mai fatto leggere a nessuno.


Your comments are welcome.
Fill the form and click "Send message".

PASSWORD (*required)

NAME (*required)

COUNTRY (*required)

TYPOLOGY (*required)

Message